Diffoto Portale Fotografico - www.diffoto.it - forum gallerie tutorial guide - Diffoto Portale Fotografico - www.diffoto.it - forum gallerie tutorial guide - Diffoto Portale Fotografico - www.diffoto.it

DiFFoto - Portale Fotografico - forum guide tutorial gallerie


Oggi è 23/08/2017, 20:19

Fotografie - Urban Exploration - Littorine e Ferrovie


Littorina Abbandonata

Lo storico, o semplicemente il curioso che voglia intraprendere le vicende della linea Mestre-Adria e del suo prolungamento fino a Venezia non può farlo senza prima aver percorso queste rotaie. Nel suo libro L’Italia in seconda classe (Feltrinelli, Milano 2009), scrive che lo scenario che si prospetta fuori dal finestrino di un treno è talmente degradato che il pendolare giornaliero non ricorda nemmeno più com’era il paesaggio prima della cementificazione invasiva. Inoltre viaggiare in treno è diventata l’occasione per stilare una lunga lista di cose che non funzionano: stazioni abbandonate, biglietti che si acquistano al bar ma che non possono essere obliterati per la mancanza dell’obliteratrice in stazione o perché l’unica che c’è è rotta, bar chiusi sostituiti dalle macchinette mangia soldi, ritardi, sporcizia, incuria e treni ad Alta Velocità che poco alla volta stanno mandando in pensione le linee minori (eppure in Italia sono ancora funzionanti linee secondarie che costituiscono un patrimonio ferroviario da non lasciare inutilizzato). La linea Mestre-Adria è un’eccezione nello scenario ferroviario italiano, e per rendersene conto è necessario percorrere ad andatura lenta, perché la lentezza è quella che permette di assaporare ogni dettaglio, i 57,010 chilometri di questa linea; se poi si ha la fortuna di trovare in partenza la vecchia Littorina gialla e blu, livrea dell’importante Società Veneta, il viaggio è reso ancor più folcloristico, sempre che si abbia la pazienza di sopportare la mancanza dell’aria condizionata e il rumore del motore diesel.

Esistono sparse per il territorio numerosi vagoni abbandonati, lasciati lì in balia del degrado e di atti di vandalismo. Io con alcuni amici abbiamo fatto alcune foto senza alterare nulla rispetto ciò che abbiamo trovato. Siamo andati sia di giorno che di notte per produrre scatti accattivanti stimolati dallo scenario molto particolare.
Qui sotto una foto in notturna e il video che spiega come è stato fatto lo scatto

Approfondimento Tecnico:

©Diffoto


Galleria:

©Diffoto ©Diffoto ©Diffoto ©Diffoto


©Diffoto ©Diffoto ©Diffoto ©Diffoto


©Diffoto ©Diffoto ©Diffoto


©Diffoto ©Diffoto


Privacy

E' severamente vietato l'utilizzo e la riproduzione totale o parziale del contenuto di questo sito internet e delle immagini contenute senza il consenso dell'autore che ne è il proprietario.
info: info@diffoto.it










cron