Diffoto Portale Fotografico - www.diffoto.it - forum gallerie tutorial guide - Diffoto Portale Fotografico - www.diffoto.it - forum gallerie tutorial guide - Diffoto Portale Fotografico - www.diffoto.it

DiFFoto - Portale Fotografico - forum guide tutorial gallerie


Oggi è 23/08/2017, 20:18

Mostra Fotografica - Street


by Fabio Crivellaro

Il Progetto

Questo progetto è nato in seguito ad una mostra che abbiamo fatto collettivamente in occasione della fiera di Fiesso Umbertiano del 2015.
La mostra è intitolata semplicemente street, in relazione al genere fotografico della street photography, che per chi non la conoscesse, è tradotta in: “fotografia di strada” ed è un sottogerene della fotografia di reportage. Una definizione che ho trovato in rete di un fotografo di street, Sandro Bini, rende molto l’idea, “fotografia di tendenza umanistica, prevalentemente urbana, che ha come interesse principale l’uomo e le situazioni umane e ha come campo di azione la strada, intesa come luogo di osservazione privilegiato della realtà sociale, contenitore visivo di storie, vicende, destini, segni, tracce”

Questa è una mostra collettiva di tre ragazzi, Fabio Crivellaro, Genni Albertin, Maurizio Callegarin.
Ci siamo conosciuti nella sfera fotografica polesana nel foto club del nostro paese. Abbiamo cominciato a fotografare con maggiore impegno più o meno nello stesso periodo. Ci accomuna la passione per la fotografia e l’approccio ad essa. Utilizzare strumenti fotografici di tutti i tipi, digitale, pellicola, macchine fotografiche nuove e vecchie, istantanee, sviluppi e stampe in camera oscura.
Ci interessa tutto ciò che ruota intorno alla fotografia, ogni autore ed il suo mondo hanno sempre qualcosa da insegnarci, nessun genere fotografico è escluso. Cinema, arti visive, mostre ed incontri con l’autore o con il regista sono per noi sempre ottime occasioni per crescere ed allargare la nostra sfera culturale. Per noi, la cosa più importante è condividere tutto questo.

Fabio Crivellaro

©Diffoto

Cercavo un modo per uscire dalla mia corazza e mostrare il mondo come lo vedevo io, con i miei occhi.
Ho acquistato la prima reflex nel 2011 anche se ho sempre fotografato fin da piccolo.
Nei miei primi lavori si nota un’impronta severa, molto attenta alla composizione e al lato tecnico che compone la scena per poi lasciarmi andare e catturare liberamente il mondo che mi circonda mescolandomi ai protagonisti, che sono l’uomo e il mondo che lo circonda tra natura e architettura.
Lo scatto avviene sempre quando la scena mi colpisce in qualche maniera e la foto serve proprio per fissare quell’istante irripetibile per poterlo far rivivere a lungo.
Le foto di questa mostra raccontano la vita di strada con una chiave quasi retrò, per non farci dimenticare che le emozioni non hanno età ne epoca.

©Diffoto ©Diffoto ©Diffoto


Genni Albertin

©Diffoto

Le immagini mi hanno sempre affascinata, sfogliando le riviste rimanevo a fissare una foto in particolare, la ritagliavo e la attaccavo sull’armadio formando collage improbabili e colorati.
Ho ricevuto per il mio compleanno tanti anni fa una piccola macchina a pellicola con cui scattavo foto in bianco e nero che poi una volta rotta non è stata subito sostituita.
La passione è rimasta lì, in attesa probabilmente di una maggiore maturità.
Nel 2009 ho comperato una compatta digitale e ho iniziato a scattare autoritratti, più per me stessa che per gli altri. La fotografia mi ha aiutato a fare un viaggio dentro me stessa, un’introspezione che, una volta liberata dai miei demoni, mi ha lasciato occhi limpidi per vedere il mondo.
Mi piace immortalare sorrisi e paesaggi in egual modo, prendermi per vecchi casolari immersi nel polesine silenzioso e dimenticato, camminare per città piccole e grandi catturando attimi di quotidianità.
Le mie foto sono semplicemente pezzi di noi.

©Diffoto ©Diffoto ©Diffoto


Maurizio Callegarin

©Diffoto

Ho iniziato a fotografare nel momento in cui ho capito che certe immagini mi catturavano oltre il loro mero lato iconografico ed estetico. Coglievo in certe illustrazioni sui libri un ruolo simbolico che mi creava echi profondi, facendo apparire il riverbero di un senso ulteriore.
Alzando gli occhi al mondo mi sono accorto di come catturare fotograficamente certi scorci, instaurare un dialogo visuale con la realtà circostante.
La fotografia si fa indagine e ricerca.
Un ponte fra l'ignoto e ciò che dimora al nostro interno. Con le mie foto tento di mettere in moto e portare alla luce parole, ricordi e sensazioni per poterle fissare almeno per un istante.

©Diffoto ©Diffoto ©Diffoto


Esposizioni

- Fiesso Umbertiamo: dal 4 Settembre 2015 al 14 Settembre 2015 presso "Centro polivalente Falcone-Borsellino"
- Stanghella : dal 18 Dicembre 2015 al 15 Febbraio 2016 preso "Elisir del Bosco" .

Privacy

E' severamente vietato l'utilizzo e la riproduzione totale o parziale del contenuto di questo sito internet e delle immagini contenute senza il consenso dell'autore che ne è il proprietario.
info: info@diffoto.it










cron